chi siamo - ALLEVAMENTO ALANI DEL PICCOLO JIGO

Vai ai contenuti

Menu principale:

..."Credetemi, l'alano può vivere benissimo anche in appartamento"... E' grazie a questa frase, pronunciata da un veterinario in televisione qualche anno fa che, nel 1993, mi sono convinto ad acquistare il primo cucciolo, Oasi dell’Elsa, per regalarlo a Gabriella, oggi mia moglie. Sin da bambino, avevo sognato di possedere un alano fulvo, ispirato da una fotografia dell'enciclopedia del Fiorone. Dopo le prime esperienze di vita quotidiana con un cane, fatte di giochi, di scuola di obbedienza,  di piccoli vizi e di affetto smisurato, io e Gabriella abbiamo voluto offrire un compagno ad Oasi (da noi chiamata Laura), ed è arrivato così Rubens dell’Elsa (Filippo), con il quale abbiamo ottenuto le prime piccole soddisfazioni in campo espositivo. Dopo aver lasciato la città, ci è sembrato naturale far crescere il numero dei nostri cani. Dall'accoppiamento di Oasi con Billy Boy v. House of Dreams, il nostro terzo alano, è nata Helena dell'Elsa, che ha ottenuto molti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale. In seguito è arrivata Maria Alejandra dell’'Elsa, che insieme ad Helena ha calcato i ring con successo.
Oasi, Rubens ed Helena ci hanno lasciato dopo aver passato con noi rispettivamente 9 (Oasi e Rubens) e oltre 10 anni (Helena). Tra i nostri soggetti più recenti meritano una particolare menzione Bibiana Isabel, Bonita Eloisa, Fukuoka del Piccolo Jigo, Giorgia del Piccolo Jigo e la piccola Isotta del Piccolo Jigo, che  sin dalla classe puppy ha iniziato a collezionare una serie di “best in show” , grande motivo di orgoglio per me e Gabriella.
Da quando abbiamo iniziato ad allevare, ricerchiamo un tipo di alano che non è solo bellezza ed eleganza, ma anche un cane dal carattere tenero ed equilibrato. Un aspetto cui teniamo molto è la ricerca di un soggetto armonico senza eccessi e con particolare riguardo alla costruzione ed al movimento.
Questo "gigante buono" sembra chiedere un continuo contatto fisico col suo padrone. E' per questa ragione che i nostri cani non vivono in un box, ma all'interno della nostra casa, trattati come membri della famiglia. Ci piacerebbe che ogni essere umano considerasse il proprio cane non solo come uno strumento (da difesa, da guardia, da esposizione, da caccia etc.), ma anche e soprattutto come un amico.
                                                                                                                    
Roberto & Gabriella


 
Torna ai contenuti | Torna al menu